Logo unimarconi infopoint audere sede di Rieti e Roma
Centro di orientamento accreditato Università Degli Studi Guglielmo Marconi
4 Marzo 2022

Come scegliere l’Università più adatta

Scegliere l’Università giusta non è mai facile.

Come non è così facile lasciare un territorio meraviglioso e ricco di storia e cultura come l’Alta Sabina o più in generale la Provincia di Rieti.


Ma cosa ne penseresti se l’Università venisse da te?

Quantomeno si ridurrebbero i dubbi circa la scelta della città, degli alloggi e delle spese ad essi connessi. E soprattutto non saremmo costretti a lasciare il nostro amato territorio.


Attraverso questo articolo vogliamo aiutare studenti e genitori a trovare il giusto compromesso tra sacrifici, costi e risultati per conseguire la laurea, indipendentemente si tratti di triennale, magistrale o a ciclo unico.

La didattica


La didattica è alla base di ogni struttura universitaria che si rispetti.

Senza una buona didattica sprecherai i migliori anni della tua vita senza ottenere alcun risultato.

La didattica è fondamentale, quindi, per poter creare delle solide basi per il tuo futuro e per far sì che i costi che dovrai affrontare saranno ammortizzati da una formazione solida e completa.

L’offerta dei corsi di laurea è senza dubbio importantissima ma le modalità di fruizione della didattica sono ancora più importanti.

Alcune facoltà, anche molto rinomate, hanno delle aule anguste con assembramenti di studenti, professori che sono presenti per meno del 50% delle lezioni, impianti audio e video fatiscenti che non offrono allo studente la possibilità di seguire le lezioni in maniera chiara ed esaustiva, compromettendo in questo modo i sacrifici che ognuno fa per poter conseguire il più importante titolo di studio della propria vita.

Dall’altra parte troviamo le facoltà online che spesso vengono sottovalutate ma che offrono allo studente la possibilità di seguire le lezioni in qualsiasi momento della giornata, da qualsiasi dispositivo e di rivedere ogni lezione infinite volte, sino all’apprendimento completo di ogni concetto.

Le Università online sono riconosciute dal Miur ed il titolo di studio è a tutti gli effetti riconosciuto.

Questo elemento potrebbe già essere uno dei principali elementi che potrebbe indirizzarci sulla scelta più giusta da attuare.

Pensare di doversi spostare di città, allontanarsi dai propri affetti, rinunciare alle proprie abitudini per ritrovarsi a seguire delle lezioni tenute dall’assistente dell’assistente del professore che avresti voluto seguire, non è senza dubbio ciò che ogni studente si augura di avere per il proprio percorso di studi.

Le modalità d’esame


Un altro dei problemi maggiori che si affronta quando ci si trova a seguire una facoltà universitaria, è legato allo svolgimento degli esami.

Ci si prenota ma il professore non si presenta, il docente si dimentica, ha avuto un problema improvviso ed ecco che ancora una volta ci si ritrova a sostenere costi inutili e perdere tanto tempo prezioso per la propria vita e il proprio futuro.

Al contrario, anche l’esame tenuto esclusivamente online (al di là delle problematiche attuali legate alla pandemia), non è certamente un riconoscimento per lo studente che ha studiato e si è preparato e che non vuole che il suo lavoro sia considerato allo stesso livello di chi invece non ha mai aperto un libro di testo o le dispense utilizzate per la preparazione all’esame.

Ci sono modi e modi anche di svolgere gli esami online o in presenza.

Ci sono diversi atenei, anche le università telematiche, che offrono allo studente la possibilità di sostenere uno più esami nella data scelta e certa, senza dover procrastinare di volta in volta la data del tanto agognato esame.

Le possibilità offerte Post Lauream


Dopo l’università cosa farò?

Questo è il vero dilemma di chi studia e consegue una laurea. La gran parte delle università non offrono agli studenti una rete di contatti tale da potersi catapultare direttamente nel mondo del lavoro.

Sono pochissimi gli atenei italiani che offrono ai propri studenti la possibilità di lavorare subito dopo la laurea ma alcune di queste, vedi Bocconi, hanno dei costi talmente elevati che seguire i corsi di studi sembra quasi come dover pagare una tangente per potersi creare un futuro solido e certo.

Alcuni atenei, tra cui anche alcuni online, invece, hanno una rete strutturata di aziende che seguono e guidano i propri studenti nel post laurea.

Un fattore importantissimo da considerare quello degli sbocchi post laurea, perché è fondamentale trovare un seguito a ciò che si è affrontato durante gli anni di studi.

I costi dell’università

Proprio nel punto precedente abbiamo visto la problematica costi universitari.

Mediamente nelle università pubbliche il costo di una retta è di 1.500 € ogni anno con pagamento semestrale, quindi con due rate da 750 € ognuna.

Tuttavia la maggior parte di questi atenei sono di secondo ordine e non offrono nulla di quanto abbiamo riportato nei punti precedenti.

Quando ci si iscrive a certe facoltà, nella maggior parte dei casi, i docenti sono “latitanti”, gli esami vengono spostati addirittura il giorno stesso, non ci sono possibilità di sbocchi futuri.

Valutando tutti questi lati negativi, però, possiamo dire che per contro ci sono gli atenei privati: Bocconi, LUISS e molte altre che al contrario offrono strutture molto belle, innovative e con sbocchi lavorativi piuttosto considerevoli. I contro di queste meravigliose università private sono i costi.

La retta mensile per un ateneo come la LUISS è di circa 2.500 € al mese, il doppio di uno stipendio medio di un operaio o di un insegnante di scuola.

A questo vanno aggiunti i costi per i libri di testo che mediamente influiscono per altri 500 € ogni anno e che, nella maggior parte dei casi, al termine del percorso di studi non vengono più utilizzati e restano lì a prendere polvere.

Per contro ci sono gli atenei online che offrono mediamente iscrizioni a 1.800/2.000 € all’anno e offrono materiale didattico incluso, tutoraggio incluso, prenotazioni degli esami garantite e collaborazioni con molte aziende per il post laurea.

La presenza di sedi d’esame

Quanto è importante poter sostenere un esame in una sede vicina?

Beh, inutile dirlo ma nelle grandi città c’è una certa facilità a muoversi per raggiungere l’ateneo ma nelle città di provincia, cosa accade?

Quanti chilometri e ore di viaggio bisogna fare per poter sostenere un esame?

Sempre l’esame di cui abbiamo già parlato nei punti precedenti, proprio quello al quale il professore non si presenta perché ha avuto un imprevisto e quindi non si preoccupa minimamente dello studente che ha affrontato costi di viaggio e ore e ore di stress per arrivare puntuale ad un esame magari fissato alle 8 di mattina e rinviato a data da destinare.

Nella scelta dell’ateneo, quindi, senza dubbio dobbiamo considerare una sede di esame che sia o nella nostra stessa città o, quanto meno, che si trovi a trenta/quaranta minuti di auto, in modo da poter affrontare gli esami senza ulteriore stress.

La struttura dell’ateneo

Comprendere la struttura e le sedi ci può aiutare a scegliere l’ateneo che fa per noi. Per struttura intendiamo non solo le sedi, che sono comunque importantissime per scegliere in maniera consapevole, ma il cosiddetto organigramma.

Nelle facoltà “tradizionali”, quelle che consideriamo come facoltà in presenza, l’organigramma è ben strutturato per cui c’è sempre un rettore e, per semplificare al massimo, i docenti di ruolo che tengono le lezioni e che di professione sono, appunto, docenti e in quanto tali seguono i propri studenti.

L’organigramma, invece, nella maggior parte degli atenei telematici è quasi improvvisato e non esiste la figura di un rettore, figura indispensabile per seguire nella maniera corretta i piani di studio da implementare di anno in anno.

Purtroppo sono pochissime, anzi in Italia ce n’è soltanto una, le università telematiche che hanno un organigramma concepito esattamente come quello di un ateneo tradizionale ma con i vantaggi che oggi offre la tecnologia.

I costi correlati all’università

Un ultimo capitolo da considerare, ma senza dubbio un altro elemento necessario da valutare per la scelta del proprio ateneo, è rappresentato dai costi aggiuntivi.

Sì, perché questa voce non viene quasi mai considerata dalle famiglie ma poi si rivela essere il costo maggiore da sostenere per un genitore.

I costi correlati sono tutti quei costi che non consideriamo nel costo della retta ma che la famiglia deve sostenere ogni giorno per mantenere un figlio all’università.

Una camera singola per uno studente in una delle principali città italiane con le università, è di circa 420 € al mese, pari a 4.200 € all’anno (per i dieci mesi di attività).

A questo vanno aggiunti i costi per i viaggi che variano da poche centinaia di euro all’anno se lo studente è in una sede vicina, a diverse migliaia se si trova in città più lontane rispetto alla propria città.

Non ultimo va considerato il costo per il “sostentamento materiale” di uno studente fuori sede; parliamo di quanto spende uno studente fuori casa per mangiare, uscire con gli amici, utilizzare le varie tecnologie, internet, ecc.

Indicativamente, uno studio fatto dalla Confconsumatori ha riportato che mediamente per uno studente fuori sede, oltre la retta universitaria una famiglia spende mediamente 9.700 € all’anno.

Si parla di uno stipendio di 800 € al mese che deve essere destinato allo studio fuori sede.

Per contro, nelle università telematiche questo problema non è considerato perché come fattore si ha il solo costo della facoltà scelta senza costi nascosti.

Se invece hai già iniziato un percorso di studi universitario e non sari come continuare, in questo articolo ti spieghiamo come non perdere neppure un’ora dei tuoi studi pregressi.

Se hai bisogno di consigli sull’orientamento, siamo a tua disposizione.

Puoi contattarci gratuitamente e senza impegno.

Lascia un commento

RICHIEDI LA BROCHURE

compila il form per ricevere la guida completa dell'ateneo.

Call Now Button